Sequestrato a Melfi parco eolico illegale

MELFI (POTENZA) – A causa della “mancanza delle necessarie autorizzazioni”, un parco eolico composto da sei pale “in stretta continuità territoriale tra loro” è stato posto sotto sequestro, in località “Taverna caduta” di Melfi (Potenza), dagli agenti del Corpo forestale dello Stato.

Durante le indagini – in cui sono coinvolte 13 persone, denunciate alla magistratura – è stato accertato che la proprietà del parco eolico è stata frazionata tra sei proprietari, alcuni dei quali parenti fra loro. Quindi sono state chieste sei singole autorizzazioni per le sei pale eoliche, “accelerando” un iter burocratico che sarebbe stato “certamente più lungo” se invece fosse stata chiesta l’autorizzazione unica prevista dalla legge per un “insediamento produttivo di tali dimensioni e potenza”, ha spiegato il Corpo forestale in una nota. Quando si chiede l’autorizzazione per una sola pala eolica, invece, si presenta “una semplice dichiarazione di inizio attività”, “non sono richieste polizze fideiussorie per il successivo ripristino ambientale e vi sono minori oneri, proporzionali al valore dell’investimento. A ciò si aggiunga – è stato spiegato – l’illecita percezione dell’incentivo statale, che pone le basi per una truffa ai danni dello Stato dell’ammontare di vari milioni di euro”.

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno.it     9 luglio 2012

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al corretto funzionamento e alla completa fruizione dei contenuti, secondo le finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy. Cliccando su "Accetta" e/o proseguendo nella navigazione, acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Chiudi