Ancora sulle attività di ALTURA nel 2017

Oltre alle iniziative già comunicate concernenti la tutela del lanario, condotte in Sicilia grazie in particolare al lavoro di campo condotto dal GTR, nel 2017 ALTURA ha effettuato il monitoraggio della specie nell’Italia centro-meridionale. I risultati sono ancora incompleti ma stiamo cominciando ad avere un quadro relativamente chiaro della situazione della specie, della quale purtroppo appare confermato il declino.

Abbiamo poi seguito in particolare la situazione dell’aquila reale e del grifone nell’Appennino Centrale, del nibbio bruno nel Lazio, del nibbio reale nel Lazio, in Puglia e in Basilicata.

Il monitoraggio delle specie più a rischio serve anche e soprattutto per individuare le varie criticità che possono avere conseguenze sulla loro conservazione. Ed infatti, anche nel 2017, parte fondamentale delle attività di Altura si è basata su interventi, condotti spesso insieme ad altre associazioni che si occupano di tutela del territorio, per contrastare progetti ed iniziative che possono comportare conseguenze negative sull’ambiente, come, ad esempio, le centrali eoliche, sulle cui pale rotanti impattano spesso uccelli rapaci e non solo, opere varie, come strade ed impianti scioviari, che possono stravolgere ambienti importanti di nidificazione o di ricerca del cibo, l’uso deleterio, illegale ed indiscriminato di sostanze tossiche, nonché i gravi problemi di avvelenamento, ai danni di rapaci che si nutrono di animali morti, provocati dall’uso di cartucce di piombo per la caccia in particolare agli ungulati.

Abbiamo poi condotto interventi di integrazione alimentare per il nibbio reale in Calabria dove il numero di coppie presenti è molto diminuito negli ultimi anni (ora non più di 4-5 al massimo). Nel 2018 verrà condotto uno sforzo di monitoraggio per cercare di comprendere qual’ è la reale consistenza della popolazione di nibbio reale in Calabria. Se possibile, sempre nel 2018, interverremo con integrazioni alimentare anche in Basilicata a favore soprattutto di nibbio reale e capovaccaio Si tratta di iniziative importanti, anzi a volte essenziali per il futuro di queste specie, che ALTURA conduce utilizzando fondi propri.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al corretto funzionamento e alla completa fruizione dei contenuti, secondo le finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "Accetta" e/o proseguendo nella navigazione, acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Chiudi