Attacco finale ai parchi

La Commissione Ambiente del Senato in questi giorni sta per votare un emendamento alla legge sulle aree protette n.394/91, per aprire la caccia nei parchi. Infatti il Senatore del PD, Massimo Caleo ha presentato un emendamento in questo senso. Con il pretesto di contenere le cosiddette specie problematiche si darebbe il via libera ai cacciatori per sparare tutto l’anno. E’ evidente il grave danno e il disturbo che si arrecherebbero alla fauna, snaturando completamente il valore e il significato delle aree protette. Veramente il colpo di grazia per una fauna di importanza internazionale che ancora sopravvive grazie alla protezione di cui ha goduto finora nelle  aree protette.

Sempre il Senatore Caleo ha presentato un altro emendamento, altrettanto pericoloso, che, se approvato, consentirebbe di far pagare una specie di dazio, le cosiddette “royalties”, a chi realizza nei parchi infrastrutture varie come centrali eoliche, elettrodotti, opere di captazione eccetera. Immaginatevi quanti Enti Parco, che spesso sono gestiti da persone che non hanno tra le loro priorità la tutela dell’ambiente naturale, darebbero, per fare cassa, le autorizzazioni richieste.

Questo attentato al cuore delle aree protette italiane viene portato avanti nel massimo silenzio, approfittando del fatto che l’opinione pubblica è in questi giorni distratta dal caso delle unioni civili.

Diffondete la notizia e scrivete al Senatore Caleo dicendogli ciò che pensate dei suoi emendamenti al seguente indirizzo: massimo.caleo@senato.it

Stefano Allavena

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al corretto funzionamento e alla completa fruizione dei contenuti, secondo le finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy. Cliccando su "Accetta" e/o proseguendo nella navigazione, acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Chiudi