Aquile reali superstiti in Etiopia

In Etiopia è presente una piccola popolazione di Aquila reale (Aquila chrysaetos), unica popolazione conosciuta di questa specie nell’Africa tropicale, rinvenuta circa venti anni fa. Attualmente un gruppo di ricerca, di cui fanno parte gli studiosi Jesús Bautista e Adam Wentworth, sta studiando la situazione delle poche coppie territoriali rimaste rilevandone gli esiti riproduttivi. L’area di presenza delle aquile è nel comprensorio del Bale Mountains National Park. Molto critica è la situazione dello status e dei valori dei parametri riproduttivi.

Nell’ultimo rilevamento di campo dei sette territori conosciuti in precedenti sondaggi (1993-1997, 2014 e 2016) solo uno era occupato da una coppia adulta. Gli altri sei territori non erano occupati. Inoltre sono stati individuati due nuovi territori in un’altra area non esaminati in precedenza. Uno dei territori era occupato da un adulto solitario e un altro da una coppia di adulti, in cui la femmina stava incubando. Entrambi questi territori sono situati a più di 4000 metri di altitudine (4080 e 4270 m).

Questa situazione critica può essere attribuita al crescente impatto antropogenico e a problemi demografici tipici di popolazioni piccole e isolate. Di conseguenza questa popolazione relitta dell’Aquila chrysaetos,  che contribuisce alla biodiversità dell’ecosistema afro-alpino e alla diversità genetica delle specie, sembra essere molto vulnerabile e sull’orlo dell’estinzione.

Questa piccola popolazione potrebbe essere sopravvissuta per migliaia di anni in questa enclave afro-alpina ed è probabilmente una reliquia di una popolazione più antica e più vasta risalente al periodo in cui l’habitat afro-alpino era geograficamente molto più esteso durante le glaciazioni del Pleistocene.

Studi preliminari, basati su tecniche di sequenziamento molecolare del DNA, hanno trovato sufficienti differenze genetiche tra aquile di questa popolazione e quelle di altre sottospecie. E’ possibile ci si trovi di fronte ad un nuovo taxon a livello di sottospecie.

(I contenuti di questo riassunto sono stati ricavati dal documento allegato disponibile in rete e divulgato da Altura su autorizzazione di Jesús Bautista e Adam Wentworth).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al corretto funzionamento e alla completa fruizione dei contenuti, secondo le finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy. Cliccando su "Accetta" e/o proseguendo nella navigazione, acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Chiudi